Illuminamolo!

ILLUMINIAMOLO!

Il 2019 sta per finire. A Loppiano ci prepariamo ad “ILLUMINARE” insieme il nuovo anno nel clima di fraternità che caratterizza tutte le feste che si celebrano nella cittadella. La novità: il concerto del Gen Rosso che integrerà i contributi di 20 giovani artisti, partecipanti al corso di condivisione e formazione artistica “Gen Rosso Music&Arts Village”.

Il 31 dicembre non è poi così lontano e nella cittadella ci si sta preparando ad accogliere quanti vorranno celebrare qui, nella cornice multiculturale tipica di Loppiano, l’arrivo del nuovo anno.

È sempre un’esperienza particolare, quella di vivere il capodanno gomito a gomito con gente di tutto il mondo. Sarà, certamente, una festa semplice, sobria, ma con il sapore della famiglia universale.

E la festa avrà un titolo: “Illuminiamolo!”, illuminiamo il 2020!

Una canzone del Gen Verde dice:

“Il buio non può vincere l’oscurità. Solo la luce, la luce potrà. E l’odio non può vincere la crudeltà. Solo l’amore, l’amore lo fa”.

Se il 2019 ha visto troppo odio e troppo buio, noi non vogliamo limitarci a prenderne atto e magari lamentarci o deprimerci. Vogliamo iniziare insieme il nuovo anno con il patto di illuminare ogni momento e ogni ambiente con l’Amore.

D’altra parte, questo 2020 è un anno particolare. Il 22 gennaio, infatti, ricorre il centesimo anniversario della nascita di Chiara Lubich. Sono tanti gli eventi in programmazione a Trento, a Loppiano e in tante parti del mondo, tutti orientati dal motto “Celebrare per incontrare”. Il primo di questi appuntamenti, nella cittadella internazionale, è proprio legato al capodanno.

A Loppiano, infatti, la festa non finirà il primo gennaio, perché venerdì 3 gennaio, nell’Auditorium, il Gen Rosso presenterà una particolare versione del suo nuovo spettacolo “Life”. La band, infatti, sarà arricchita dal contributo di 20 giovani artisti, partecipanti al corso di condivisione e formazione artistica “Gen Rosso Music&Arts Village”. Il Village è già alla sua terza edizione e prenderà il via il 27 dicembre per concludersi il 5 gennaio.

Ci raccontano i componenti del Gen Rosso: «Il nuovo spettacolo vuole scendere fino al cuore delle problematiche attuali, rimettendo al centro la vita. Il Concerto LIFE spazia dalla cultura del dare per arginare la povertà, alla sostenibilità, dall’ecologia all’armonia fra l’universo e l’umanità che lo abita. Gradualmente, si arriva alla proposta di condivisione tra le singole persone e tra i popoli, con il passaggio dalla tolleranza all’accoglienza, dalla coesistenza all’integrazione e alla fratellanza. Attraverso un nuovo sound pop/rock con visual d’impatto, il concerto GR LIFE è una vera celebrazione alla vita con un fil-rouge che caratterizza tutto il concerto: l’Amore come DNA di ogni persona».

E torniamo, quindi, all’Amore. Con ancora negli occhi la tenerezza di Gesù Bambino, l’Amore fatto neonato, canteremo insieme, il 31 dicembre, il Te Deum, perché amare significa anche dire grazie, grazie a Dio per tutti i doni che ci ha fatto nel 2019. Poi, con il brindisi della mezzanotte, nel pieno della festa, ci riprometteremo l’un l’altro di illuminare il nuovo anno con l’amore. In fondo, non è proprio l’amore reciproco la legge di questa città?